SUPERMOTARD

Specialità affascinante, che non ha ancora ricevuto la giusta attenzione da parte del pubblico, il cui interesse nasce dal fatto che in un’unica competizione il tracciato impone ai piloti di sapersi destreggiare sia nella velocità sull’asfalto sia nel percorso fuoristradistico, per cui anche se le coperture sono quelle da pista la moto deve essere equilibrata sia per staccate all’ultimo centimetro sia per i salti tipici dell’off road.

Si può ben dire che, anche in questo caso, il corretto setting dell’assetto della moto rappresenti buona parte del successo che il pilota potrà poi arrivare ad ottenere. E, naturalmente, proprio per il tipo di uso – specialistico nella non-specializzazione – la sensibilità di chi si occuperà delle sospensioni dovrà essere utilizzata al massimo per capire quali regolazioni impostare.

Da questo punto di vista non si può, quindi, affermare che trovare l’assetto giusto per una moto dedicata a questa specialità sia una cosa semplice, oltretutto, proprio per la necessità di rendere compatibili struttura della moto – che spesso proviene dall’off road puro – con il tipo di tracciato che si va ad affrontare, è utile prendere in considerazione l’idea di modificare non solo i parametri dell’assetto ma anche gli stessi materiali, il mono e le forcelle, fino ad arrivare al giusto equilibrio che porti mezzo e pilota al massimo livello delle rispettive prestazioni.

Sempre in sicurezza, naturalmente.